Gestione di un ecommerce: 7 regole fondamentali

by Telnet Data

gestione ecommerce con software Telnet Data

La gestione di un ecommerce a prova di fallimento non è poi così diverso dal gestire un negozio fisico.

Entrambi richiedono lo stesso impegno, investimento di tempo ed energie. Noi di Telnet Data sappiamo quanto possa essere difficile aprire e gestire un punto vendita online. Con questo post vi vogliamo illustrare nel dettaglio tutte le regole e i divieti per gestire al meglio un e-commerce di successo garantito.

Per farlo adeguatamente, vi proponiamo un esempio: immaginate di avere un negozio fisico di CD e vinili. Disponete, fra gli altri, di un centinaio di vinili originali, tutti in perfette condizioni e di un certo pregio. Questi sono i cavalli di battaglia su cui puntate per dare via al vostro e-commerce.

Regole fondamentali per un ecommerce di successo!

1-Scegli il CMS che fa per te

Il Content Management System non è altro che il sito o piattaforma di vendita online che si può andare a scegliere, ed attualmente ne esistono molteplici sul mercato. Da non confondere con i marketplace, sotto cui ricadono i colossi eBay e Amazon, i CMS sono effettivamente delle applicazioni che permettono sia di vendere online o di pubblicare articoli e così via.

I più famosi sono:

  • WordPress (WooCommerce)
  • Prestashop
  • Magento 
  • Shopify.

Scelto il CMS che fa al caso vostro, si può quindi procedere con la creazione del sito. Una regola fondamentale della vendita online è la sua facilità d’utilizzo. Non deve essere soltanto d’aspetto accattivante, ma deve avere pagine semplici e intuitive, il più possibile facili da utilizzare per semplificare al massimo il processo di acquisto.

Che vi rivolgiate ad un professionista per la realizzazione del vostro negozio online o che vogliate cimentarvi a farlo da soli, tenete sempre bene a mente che la semplicità è la vostra più grande alleata

2-Rendi il tuo sito multilingua per agevolare i clienti dall’estero

Molto spesso, quando si comincia a vendere online, si sottovaluta il fatto che il web è accessibile in ogni parte del pianeta!

A seconda della particolarità degli oggetti in vendita si può essere contattati da acquirenti in diverse nazioni. Nel nostro esempio, infatti, non dovreste sorprendervi se a contattarvi sarà un potenziale cliente dal Giappone: uno dei vostri vinili potrebbe essere una rara edizione di cui i collezionisti vanno ghiotti. Seppur sia scontato che ormai l’inglese sia la lingua universale, avere un sito multilingua può aiutare l’acquirente a capire meglio ciò che è in vendita sfruttando la sua lingua madre.

Attenzione però: non affidatevi a Google Translate! Chiedete piuttosto aiuto a un professionista per evitare spiacevoli traduzioni errate. 

3- Ottimizza la scheda prodotto

Di fondamentale importanza, le descrizioni dei prodotti devono essere il più possibili chiare e dettagliate.

Il potenziale acquirente di un disco ad esempio vuole sapere come sono le condizioni del vinile, se sono presenti piccoli graffi sulla superficie o rumori di sottofondo durante la riproduzione, se dispone di una custodia in plastica per preservare l’integrità della copertina e così via. Questo è il primo passo per assicurarsi un acquisto certo da parte dell’acquirente.

4-Le immagini dei prodotti sono fondamentali

Sembra scontato, ma utilizzare immagini ottimizzate dei prodotti che avete in vendita sono fondamentali e uno degli aspetti più importanti della vendita online. Foto accurate e in alta definizione permettono all’acquirente di farsi un’idea ancor più chiara della qualità e dell’usura del disco, andando quindi a colpo sicuro al momento dell’ordine effettivo. È quindi importante considerare l’acquisto di una macchina fotografica o l’ingaggio di un fotografo professionista per presentare al meglio i prodotti.

5-I social media e ecommerce: due grandi alleati

Che vi piacciano o no, i social media sono necessari ed importantissimi per la gestione e la buona riuscita del vostro ecommerce!

Il bello comincia proprio quando avete realizzato il vostro sito, messo descrizioni assolutamente dettagliate con foto da riviste patinate. Per i prodotti più particolari è facile che la vostra inserzione sia fra le prime a spuntare sui motori di ricerca, semplificando in parte il processo di acquisizione di clienti.

Ma per tutti gli altri sono i social media a venire in soccorso: aprire una pagina Facebook o un account Instagram può aiutare ad aumentare il bacino d’utenza. Il nostro negozio di vinili ad esempio, per cominciare può, attraverso qualche ben strutturata campagna di “mi piace”, far conoscere i propri prodotti e tenere sempre aggiornati gli interessati con notizie inerenti o nuovi arrivi in magazzino. Bisogna avere pazienza, certo, ma i risultati pian piano saranno visibili. 

6-Più metodi di pagamento accetti, più clienti farai felici

Sottolineata l’importanza del sito multilingua, va da sé che un e-commerce debba disporre di vari metodi di pagamento per soddisfare la clientela internazionale oltre che quella locale.

Partendo quindi dal più semplice contrassegno, si può arrivare ai pagamenti elettronici (un esempio è il famoso PayPal) per venire incontro anche al già menzionato cliente giapponese. Non di minore importanza è anche l’emissione della fattura, che si può inserire nel pacco o alle volte anche spedire via mail.

7-Le spedizioni dei prodotti sono la ciliegina sulla torta di una vendita di successo

Sulle spedizioni si potrebbe scrivere un articolo a parte, tanto è importante. Ci sono due fasi principali:

  • La prima fase, per nulla scontata, è proprio quella dell’imballaggio: in quanto negozio di dischi, sapete benissimo quanto siano fragili e delicati i vinili, e proprio per questo richiedono un’attenzione particolare quando vengono spediti. Quindi, sta a voi innanzitutto informarvi sul come imballare questo prezioso bene purché l’acquirente lo riceva nelle stesse condizioni in cui voi l’avete spedito.
  • Nella seconda fase si può passare alla spedizione vera e propria: oltre alla fattura, bisogna occuparsi del DDT e rivolgersi ad un spedizioniere affidabile e sicuro. Non bisogna scordarsi che la celerità del pacco è tanto fondamentale quanto la certezza che il prodotto arrivi integro tra le mani dell’acquirente. A seconda dello spedizioniere poi ci sono tariffe nazionali e internazionali di cui tenere conto: ci sono molte cose da valutare, quindi la scelta di uno o più spedizionieri non va presa affatto sotto gamba.

Errori da evitare nella costruzione del negozio online

Mai sottovalutare ciò che state vendendo

L’esempio che abbiamo scelto non è forse il massimo per spiegare cosa intendiamo dire, ma supponendo che avete messo online anche ristampe e CD più moderni, il valore di questi prodotti è sicuramente più basso del vinile ricercato e potrebbe effettivamente mettere a rischio il guadagno effettivo. Rimanere a galla è fondamentale e dovete tenere in considerazione cosa e a quanto vendere, sempre con un occhio di riguardo ai vostri clienti. 

Non lasciate che sia il caso a definirvi

Con il boom dell’e-commerce, la competizione è altissima e il rischio di annegare fra mille proposte uguali è sempre in agguato. Quindi, nel momento in cui mettete il sito e le inserzioni online, pensate ad investire parte del tempo in un’ottima comunicazione SEO (Search Engine Optimization). I motori di ricerca saranno i vostri principali alleati e il vostro sito avrà buonissime possibilità di spuntare fra le ricerche in prima pagina. In più, se fornite ottime descrizioni e foto dettagliate, come già detto, riuscirete sicuramente a navigare le acque dell’e-commerce in tutta sicurezza.

Troppi prodotti stroppiano

L’esempio di negozio che abbiamo scelto è perfetto per questo punto: più vi specializzate in un certo settore, migliori sono le possibilità di vendita. La vostra nicchia infatti vi dà maggiori possibilità di rivolgervi ad un pubblico specifico e quindi di creare un bacino di utenza solido e sicuro. Se ad esempio però vorreste vendere di più e inserite nel vostro negozio online prodotti d’elettronica che esulano dalla vostra nicchia, rischiate di perdere il vostro bacino d’utenza in favore di uno disomogeneo. 

Perdere tempo in dettagli irrilevanti

Il vostro sito è online e funziona a dovere, avete ricevuto i primi ordini di vendita e ne siete entusiasti: avete già mille idee per migliorare il sito, cambiando grafica e rivedendo il logo per attirare più clienti. Ecco, quell’entusiasmo, specialmente nei primi tempi, dovrete dirigerlo altrove: ci sono attività ben più importanti che faranno solidificare il vostro business. La grafica può aspettare, assicuratevi prima che la vostra attività sia pronta a dare il massimo di fronte a qualsiasi evenienza. 

Saltare a piè pari il content marketing

Vi ricordate che ho detto “che vi piacciano o no, i social media sono necessari e importantissimi”? Purtroppo è assolutamente vero: l’investimento di parte del vostro tempo nel content marketing sui social media è fondamentale e non può essere trascurato. Nel nostro esempio, è difficile trovare notizie sul settore vinili che non siano su una particolare band che ha deciso di ristampare un classico in versione rimasterizzata. Si può puntare allora su contenuti mirati ad attirare il cliente ideale. Quindi chiedetevi: quale tipo di persona è interessata ai miei prodotti? 

Non conoscere il cliente ideale

Rifacendoci al punto precedente, quella domanda è molto importante ed è un cardine della vendita in sé. Tralasciamo il marketing sui social, quindi, e parliamo della vendita effettiva. Come dicevo al punto 3, abbiamo scelto una vendita di nicchia che ci permette già di avere una buona idea su chi è il vostro acquirente tipo. Ma si può essere ancora più specifici: il vostro acquirente preferisce il jazz o il rock anni ‘70? Ma ancora di più: avete possibilità di acquisire altri vinili pregiati per mantenere i vostri clienti? Sono domande importanti da tenere sempre a mente nello svolgersi della vendita online. 

Non avere un piano di marketing efficace

Abbiamo già visto che i social e i testo SEO sono dei grandi alleati per la vendita, ma non bisogna trascurare nemmeno altri tipi di canali: ad esempio le pubblicità Pay Per Click o un’efficace campagna di invio email. È bene presentarsi sul web con delle idee specifiche di marketing per non farsi cogliere impreparati.

Il gestionale e-commerce Telnet Data

Appreso tutto questo, speriamo che vi presentiate al mondo della vendita online più preparati e quanto mai coraggiosi ad affrontarne ogni sfida e insidia.

Il nostro prodotto Data Sell è pensato proprio per voi: è un gestionale in cloud nato per la perfetta gestione di più canali di vendita da un unico luogo.

Se avete deciso, ad esempio, di vendere i vostri prodotti sul marketplace eBay e sul vostro sito WordPress con  WooCommerce, facciamo proprio per voi.

Dal nostro gestionale potete ricevere gli ordini di vendita, pubblicare inserzioni e gestire le spedizioni.

Con la nostra app potete semplificare la gestione del vostro ecommerce: tenere sotto controllo il magazzino e semplificare di molto i movimenti e l’aggiornamento delle quantità disponibili. Volete provare? Bene, il nostro gestionale è in prova gratuita per 30 giorni. 

Contattateci pure per avere maggiori informazioni. 

E in bocca al lupo!

 

Fonti per questo articolo:

  • https://aostasera.it/notizie/pubbliredazionali/aprire-un-e-commerce-le-regole-per-avere-successo/
  • https://www.targatocn.it/2020/09/17/leggi-notizia/argomenti/economia-7/articolo/le-caratteristiche-di-un-e-commerce-perfetto.html
  • https://www.varesenoi.it/2020/09/24/leggi-notizia/argomenti/economia-13/articolo/come-puo-valorizzare-il-proprio-e-commerce-una-piccola-azienda.html
  • https://it.shopify.com/blog/gestire-un-ecommerce-errori